User Settings

  • Background
  • Fade speed
  • Music
  • Dimensione testo
Choose a backgound theme.
Choose the speed the daily prayer fades between stages.
Choose music to play during the daily prayer.
Choose the size of the text for your daily prayer.

Preghiera di Oggi - 2018-01-12

La presenza di Dio

Essere presenti significa arrivare così come si è, e aprirsi all’altro.
Nel momento in cui io arrivo, Dio è presente, mi sta già aspettando.
Dio arriva sempre prima di me, perché desidera stare con me
Più del mio amico più intimo.
Mi prendo il tempo e saluto Dio che mi ama.

Libertà

Chiedo la grazia
Di liberarmi dalle mie preoccupazioni,
Di essere aperto a quello che Dio mi chiede,
Di lasciarmi guidare e plasmare dal Creatore che mi ama.

Consapevolezza

Come è andata la giornata di oggi?
A che punto sono nel mio rapporto con Dio? E con gli altri?
C’è qualcosa di cui posso rendere grazie? Allora ringrazio Dio per questo.
C’è qualcosa di cui sono dispiaciuto? Allora gli chiedo il perdono.

La Parola di Dio

Marco 2:1-12

Ed entrò di nuovo a Cafarnao dopo alcuni giorni. Si seppe che era in casa e si radunarono tante persone, da non esserci più posto neanche davanti alla porta, ed egli annunziava loro la parola. Si recarono da lui con un paralitico portato da quattro persone. Non potendo però portarglielo innanzi, a causa della folla, scoperchiarono il tetto nel punto dov'egli si trovava e, fatta un'apertura, calarono il lettuccio su cui giaceva il paralitico. Gesù, vista la loro fede, disse al paralitico: "Figliolo, ti sono rimessi i tuoi peccati". Seduti là erano alcuni scribi che pensavano in cuor loro: "Perché costui parla così? Bestemmia! Chi può rimettere i peccati se non Dio solo?". Ma Gesù, avendo subito conosciuto nel suo spirito che così pensavano tra sé, disse loro: "Perché pensate così nei vostri cuori? Che cosa è più facile: dire al paralitico: Ti sono rimessi i peccati, o dire: Alzati, prendi il tuo lettuccio e cammina? Ora, perché sappiate che il Figlio dell'uomo ha il potere sulla terra di rimettere i peccati, ti ordino - disse al paralitico - alzati, prendi il tuo lettuccio e và a casa tua". Quegli si alzò, prese il suo lettuccio e se ne andò in presenza di tutti e tutti si meravigliarono e lodavano Dio dicendo: "Non abbiamo mai visto nulla di simile!". 

Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

Active
Default
  • Una storia drammatica! Potresti essere coinvolto in essa identificandoti con l'uomo paralizzato, con uno dei suoi amici o con uno di quelli riuniti intorno a Gesù. Il ruolo in cui ti posizioni influenzerà il modo in cui sperimenterai lo svolgersi degli eventi. Lasciati sorprendere!
  • Ciò che avrebbe potuto essere una semplice guarigione si trasforma in un confronto teologico teso. È Gesù che istiga questo perdonando i peccati del paralitico (che non gli è stato chiesto di fare). Gli scribi presenti sono convinti che sia una bestemmia. Solo Dio può perdonare i peccati. Quindi Gesù usa il suo potere per guarire il corpo come segno che ha autorità per guarire anche l'anima. Marco sta già segnalando l'accusa per la quale le autorità ebraiche cercheranno in seguito la pena di morte per Gesù - la blasfemia.
  • Nota: il paralitico dipende dai suoi amici per essere portato da Gesù. È la loro fede a cui Gesù riconosce e risponde. Lo stesso paralitico non pronuncia mai una parola.

Conversazione

Gesù, tu hai sempre accolto i piccoli quando camminavi su questa terra.
Insegnami ad avere fiducia in te come i bambini.
A vivere nella consapevolezza che non mi abbandonerai mai.

Conclusione

Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo,
Com’era nel principio, ora e sempre,
nei secoli dei secoli. 

Più Spazio Sacro