User Settings

  • Background
  • Fade speed
  • Music
  • Dimensione testo
Choose a backgound theme.
Choose the speed the daily prayer fades between stages.
Choose music to play during the daily prayer.
Choose the size of the text for your daily prayer.

Luca 11:29-32

La Parola di Dio

Mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire: "Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato nessun segno fuorchè il segno di Giona. Poiché come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell'uomo lo sarà per questa generazione. La regina del sud sorgerà nel giudizio insieme con gli uomini di questa generazione e li condannerà; perché essa venne dalle estremità della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, ben più di Salomone c'è qui. Quelli di Nìnive sorgeranno nel giudizio insieme con questa generazione e la condanneranno; perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, ben più di Giona c'è qui.

Luca 11:29-32
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Inactive
    Default
    • La gente viene da Gesù cercando segni. Egli si paragona a Salomone e Giona che furono segni da Dio nella loro vita. Egli tuttavia parla con una autorità più grande.
    • Quali segni della vostra vita vi portano a Gesù?
    • Chi vi consiglia e che voce ascoltate quando pensate al profondo significato della vita?
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Inactive
    Default
    • Jesus uses imagination trying to help his audience to catch on to the mystery of who he is. So he reminds them of famous characters in stories they already know well. He then tries to open their minds further by saying twice that ‘something greater’ is here in his person.
    • This is a mysterious assertion. But God is mysterious, so coming closer to the truth about God means being led along the path of mystery. Do I cultivate my capacity for mystery, or do I live on the surface of life? Do I reduce the wonders of nature and of the cosmos to mere facts, or do I let myself be drawn to wonder what their author must be like? Everything is a divine mystery since all comes from God. Let me sit with Jesus and ask him to enliven the mystical dimension which may be dormant in me.
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Inactive
    Default
    • The people were looking about them, ready to perceive some sign of God’s working, keen to notice some proof that Jesus was who he said he was. The problem was that they were looking outside. Jesus calls us instead to become sensitive to how God works in us. He calls us to be awake, vigilant and perceptive. He gives us the Holy Spirit to help us to recognise where God is at work in our hearts. The signs around us may confirm what God is teaching us but they won’t be all we have to rely on.
    • When he refers to the ‘queen of the South’, Jesus reminds us how the Queen of Sheba was drawn to consult Solomon. (1 Kings 10:1-5) If a rich and powerful personage was able to recognise how God was at work in Solomon, I can ask what stops me from fully receiving Jesus’ word in my heart.
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Inactive
    Default
    • Jonah is the sign of God’s care for all. His call was to go to a far country who did not know his God. He is also a sign of God’s care for us individually – his care was for Jonah’s safety. Jonah’s strength was in his trust in God. Prayer is a time of allowing trust in God grow and become a big part of our being.
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Inactive
    Default
    • The Ninevites were moved to repentance by the prophetic sign of Jonah which they recognised as the authentic word of God. Later God sends his son into our world as the ultimate sign of his love for us. This should make us want to live good lives by following him.
    • Jesus, you stand before me as a sign. Like Jonah, you are swallowed up by death, but you rise from the dead and challenge me to walk in newness of life. Stay with me in my times of blindness and usher me back into your saving presence.
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Inactive
    Default
    • Jesus tells it as it is. When ‘the crowds were increasing’ he challenged them to ask themselves why they were coming to see and listen to him. Why do I come to Sacred Space each day?
    • ‘Something greater is here.’ He challenges the crowd to consider the question he put to his apostles – ‘Who do you think I am?’ He asks us the same question.
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Inactive
    Default
    • The queen of the South sought out Solomon for his great wisdom, and the people of Nineveh listened attentively to Jonah and repented. Jesus far surpasses Solomon and Jonah, but his hearers are still looking for ‘signs’ instead of listening to what he says. Have I enough faith to accept Jesus not only as a great prophet but as the Son of God, and his word as the wisdom of God?
    • The word of God can transform us. Jonah proclaimed God’s word and the people repented. Saint Teresa of Avila, a great mystic and reformer, drew her inspiration from the riches of Sacred Scripture. Do I allow the gospels to transform me?
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Inactive
    Default
    • ‘Something greater than Solomon’ – this is how the Son of God humbly describes himself to people who resist belief. He, the wisdom and compassion of God, is in their midst, but they are blinded by their own concerns and do not see him. Would I travel great distances to meet him, as the Queen of Sheba did to meet Solomon? Do I often travel the short distance from my busy life into the world of prayer?
    • God, you are totally other, you are the Holy Mystery. May I stop trying to tame you and make you manageable. May I let you direct my life, as Jonah reluctantly did. This is the work of Lent.
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Inactive
    Default
    • Jesus uses the popular story of Jonah to hint at his own resurrection. Jonah is swallowed up by the big fish, but after three days he emerges on dry land. Likewise Jesus will die and be raised to life again. This will be the greatest sign of all that God is among us. Jesus wonders will the hearts of the stubborn yield even at that point.
    • Lord, am I often looking for the signs that suit myself? Recovery of health, satisfying relationships, modest affluence, and success in whatever I try to do, getting life my way? Help me to focus instead on your great signs, which are set out in the Christian Creeds.
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Inactive
    Default
    • It is baffling to record that, for a period of thirty years, the Son of Man did not appear to be anything other than a man. From the beginning of his public life, those who did not believe in Jesus' preaching or his miracles discerned nothing of the divine in his features.
    • Lord, your warning speaks to me too. I find myself looking for signs and wonders, when the greatest wonder is yourself.
    • Jonah was a man of narrow religious beliefs who was intolerant of God's gracious treatment of the people of a pagan city. Yet the people believed in him. Jesus is saying to us that the people of this pagan city had greater faith than the people to whom he spoke. He asks for at least as much wisdom in hearing his word as the people of Nineveh had in hearing Jonah. Prayer is a moment that allows for an increase of faith in God.
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Inactive
    Default
    • Giona convertì la città di Ninive con la sua santità e il suo predicare, non con i miracoli. La santità è più grande degli effetti speciali, ma più difficilmente riconosciuta. Lo spettacolo è ciò che attira le folle. Signore, la tua mano è più visibile nella santità che nei segni straordinari. Apri i miei occhi perché io veda il tuo lavoro nei miei fratelli e le mie sorelle.
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Inactive
    Default
    • Noi tutti sembriamo chiedere segni di tanto in tanto, perché ci sembrano dare maggiore certezza in cosa crediamo. Apparizioni, miracoli e altri eventi sensazionali sembrano essere importanti non solo per i contemporanei di Gesù, ma anche per noi. Eppure Gesù insiste che il segno reale è la propria persona: in Lui Dio è diventato un essere umano, e che lo vede, vede il Padre. La ricerca di altri segni non ci porterà da nessuna parte.
    • Gesù si paragona a Giona, un altro segno, chiedendo la conversione. La nostra reazione a questa chiamata alla conversione sarà il nostro giudizio. Chiedo un cuore in ascolto, aperto a Gesù e pronto a cambiare i suoi modi.
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Inactive
    Default
    • I Niniviti sono mossi al pentimento dal segno profetico di Giona, che hanno riconosciuto come autentica Parola di Dio. Più tardi Dio manda suo figlio nel nostro mondo come l'ultimo segno del suo amore per noi.
    • Tu, Signore Gesù, sei il segno di segni. Quelli che vanno in cerca di ulteriori meraviglie non ti hanno visto veramente. In te ho trovato tutto quello di cui ho bisogno per essere pienamente umano e trovare il mio destino con Dio.
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Inactive
    Default
    • I Nineviti sono spinti al pentimento dal segno profetico di Giòna che hanno riconosciuto come parola autentica di Dio. La storia di Giòna ci racconta come il profeta disobbediente fosse inghiottito da un pesce gigante, tornando dopo tre giorni sulla riva. In seguito a questo episodio egli si pente, la sua vita cambia e predica con convinzione il messaggio della salvezza.
    • Gesù dice che l'unico segno da dare è quello della morte e della risurrezione, perchè "qualcosa di più grande di Giòna è qui". Gesù morirà e sarà risuscitato alla vita. Questo sarà tra tutti il segno più grande che Dio è tra noi.
    • Prova a fermare l’attenzione per alcuni momenti su qualche esperienza che ha trasformato la tua vita, qualcosa che ti sorprende quando ci pensi?
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Inactive
    Default
    • Quando Gesù ebbe compiuto un miracolo, alcuni dei suoi uditori lo accusarono di aver invocato il potere del principe dei demoni: tale era la loro chiusura mentale. Anche da questo atteggiamento è arrivata la loro richiesta di una "prova" prima che credessero in lui: un qualcosa di "spettacolare", sconvolgente (un "segno"). Al contrario, era proprio dal loro cuore che tali persone avevano bisogno di tirar fuori l'apertura a Gesù e una fede genuina.
    • Il popolo di Ninive in passato fornì l'esempio necessario: riuscirono a raggiungere tale genuina fede quando Giona fu inviato per incitare all'obbedienza all'opera di Dio in loro. E la regina di Saba - una straniera - rispose con sentimenti simili quando entrò in presenza del re di Israele, Salomone.
    • La persona di Gesù, tuttavia, è un "segno" più potente di qualsiasi di queste opere - perché Gesù non è altro che la piena rivelazione del Padre che è nei cieli.
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Inactive
    Default
    • Per Gesù, è il pentimento del popolo di Ninive che è significativo qui. Se loro hanno saggezza per riconoscere l'autorità del profeta Giona e pentirsi, sicuramente la generazione di Gesù dovrebbe essere in grado di fare lo stesso, dato che Gesù è anche più grande di Giona.
    • Lo stesso vale per la regina di Saba, che ha fatto molta strada per considerare la grandezza del re di Israele.
    • Gli stranieri come la regina di Saba e i niniviti, sono più capaci di vedere la verità dei santi israeliti! Forse anch'io ho un forte senso della mia identità religiosa, di ciò che è speciale e santo. Ma sta interferendo?
  • Alcuni pensieri sulle Scritture del giorno

    Active
    Default
    • Giona è il segno che Dio ha cura di tutti noi. La sua missione era quella di andare da un popolo in un paese lontano che non conosceva il suo Dio. Egli stesso e’ anche segno che Dio si prende cura di noi individualmente – si prende cura della sicureza di Giona. La forza di Giona stava nella sua fiducia in Dio. La preghiera è un tempo per permettere che la fiducia in Dio cresca e diventi una grossa parte del nostro essere.

Più Spazio Sacro