• Quiete

    Mentre ti rilassi in ascolto, cerca di essere consapevole che Dio è vicino

    Per avere alcuni momenti di quiete, sistemati in una posizione comoda. Chiudi gli occhi e immagina che tutte le tue preoccupazioni, distrazioni e inquietudini svaniscano. Tenta di raggiungere il silenzio dentro di te. Il cuore di Maria è nella quiete e aperto per ascoltare il messaggio dell'angelo. Ascolta attentamente i diversi suoni che senti intorno a te e  presta attenzione alla tua voce dentro di te. Forse puoi sentire il battito del tuo cuore. Come ti rilassi ascoltando, cerca di essere consapevole che Dio è vicino, dentro di te, che ti porta oggi un messaggio e che cerca una dimora nel tuo cuore proprio adesso. Questo è il tuo momento di visitazione.

  • Lettura

    Ecco la serva del Signore, sia fatto di me secondo la tua parola

    Luca 1:26-38
     

    Nel sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: "Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te". A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto. L'angelo le disse: "Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine". Allora Maria disse all'angelo: "Come è possibile? Non conosco uomo". Le rispose l'angelo: "Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell'Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio. Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile:  nulla è impossibile a Dio". Allora Maria disse: "Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto". E l'angelo partì da lei.

  • Rifletti

    Ecco la serva del Signore, sia fatto di me secondo la tua parola

    Pensa per un po' a questa storia. Come sarà stata l'esperienza per Maria? Qui c'era una normale giovane ragazza, non ancora sposata a cui è stato detto che sarebbe rimasta incinta nel modo più straordinario. Ci si sarebbe potuti aspettare una protesta, che no, non poteva aderire ad un simile piano. Cosa avrebbe detto al suo fidanzato? Cosa avrebbe detto ai suoi genitori, ai vicini, alle altre persone? Cosa avrebbero pensato tutti? E così via. Ma non ha fatto altro che porre una domanda molto semplice: "Come può essere, visto che sono vergine?" Non è straordinario? Tutto quello che voleva sapere era come una cosa simile fosse possibile. E una volta che l'angelo le ebbe spiegato che sarebbe accaduto attraverso il potere dell'Altissimo, Maria accettò immediatamente, senza una sola opposizione per tutte le difficoltà che le avrebbe senza dubbio causato: "Eccomi, la serva del Signore. Sia fatto di me secondo la tua parola".

    La fiducia di Maria in Dio era così grande che era pronta mettere da parte tutti i suoi sogni e i programmi per la sua vita e addentrarsi in un luogo di enorme incertezza, in una situazione sulla quale non avrebbe avuto alcun controllo. I nuovi inizi possono essere per noi spaventosi. A noi piace la certezza e non ci piace uscire dalla nostra zona di conforto. Eppure questo nuovo luogo è spesso dove possono accadere le cose più meravigliose, come ci mostra la storia di Maria.

  • Parla con Dio

    • Da quando ho iniziato questo ritiro sono venuta a conoscenza della visita di un angelo nella mia vita? Gli angeli assumono tutte le forme e dimensioni! È accaduto che abbia ricevuto qualche invito interiore a uscire dalla mia zona di conforto e verso l'ignoto, o forse indicando qualcosa nella mia vita o nelle mie relazioni che non è sano? Ho forse paura di fare il primo necessario passo? Preferisco rimanere nella sicurezza di ciò che mi è familiare anche quando vedo chiaramente che le cose devono cambiare? Ne parlo onestamente con Dio, non nascondendo le mie paure né a Dio né a me stesso. Domando il dono della fiducia.
    • Mentre rifletto sulla situazione in cui Maria si è trovata, posso vedere che a volte un nuovo inizio è nascosto nella terminazione di qualcos'altro. Tutti i piani che Maria deve aver fatto per la sua vita debbono essersi dissolti nel momento della visita dell'angelo. Rifletto ora sui momenti in cui la mia stessa vita ha preso svolte inaspettate, sgradite o allarmanti. Forse ho subito un lutto improvviso, una malattia, la rottura di una relazione o la perdita di un lavoro o persino della mia casa? Chiedo a Dio di aiutare la possibilità di un nuovo inizio. Chiedo a Dio di aiutarmi vedere quello che è un nuovo inizio in quello che sembra essere una fine. Chiedo a Dio di aiutarmi di accettare i colpi di scena della mia vita.
    • Un incontro con un angelo ci porta un'energia che ci autorizza e ci emancipa. Non siamo soli. Dio non ci chiede mai di fare nulla da soli ma ci protegge. Sediamoci un po' in silenzio con Dio e saremo sotto la sua protezione.
Home